Il nuovo telaio Revolution si rivela un ottimo prodotto

 

 

 

 

Vai alla Foto Gallery

 

Vai alla Video Gallery

 

Vai alle Pagelle

 

Il nuovo telaio Corratec Revolution, proposto nelle versioni Revolution SL (più leggero) e Revolution (più pesante, ma ugualmente rigido),

 


è un progetto inedito che con il precedente modello ha in comune solo il nome. Il telaio ha una nuova geometria, con serie di sterzo differenziata e movimento centrale con standard classico. Il telaio è realizzato in fibra di carbonio ad alto modulo e con un particolare processo produttivo, che vede la realizzazione del telaio in due distinte parti, che poi vengono unite tra loro. La prima parte è composta dal triangolo posteriore e dal movimento centrale, che vengono uniti alla parte anteriore del telaio. Il deragliatore anteriore ha montaggio Direct Mount, così come il freno posteriore. Altra particolarità è il profilo basso del chainstay, che permette un agevole passaggio della catena e la completa adattabilità ad ogni tipo di guarnitura. Nella versione SL, permette di avere una bici che scende con facilità sotto gli 8Kg. Nella versione Revolution, si sacrifica il peso in favore del prezzo di listino. La bici oggetto del test è assemblata con il gruppo Shimano XT, usato per i comandi, il cambio, il deragliatore, la guarnitura, il pacco pignoni e la catena. I freni sono Avid Elixir 5 180/160, la forcella è una DT Swiss XRM100. La sella è Selle Italia, mentre attacco, piaga e reggisella sono ZZYZX, in alluminio. Sempre ZZYZX sono le ruote, con copertoncini Continental Race King 26 x 2.2. Non sono di serie il porta borraccia ed i pedali. Così assemblata la bici ha un peso di 10.4 Kg, come rilevato con la nostra strumentazione.