Il telaio Wilier 101XC è rimasto inalterato per il 2014 nella tecnica, ma riceve la possibilità di essere assemblato con il gruppo Sram XX1 e la forcella rigida, di cui nel 2014 viene presentata una nuova versione (in foto vediamo ancora il prototipo di forcella rigida 2013).

 

 

L’adozione della forcella rigida e del gruppo Sram XX1 permette di realizzare una bici molto leggera e maggiormente indicata a percorsi veloci. Assemblata con il gruppo Sram XX1, componenti Ritchey WCS e ruote DT Swiss, la bici ha un peso di 8.5Kg.

 

Off road test

La bici oggetto del test può considerarsi un modello di transizione tra una versione 2013 e la versione 2014 che adotterà una nuova forcella rigida più leggera e rigida di quella usata sul nostro esemplare. Il peso della bici rimane comunque, anche in questa versione, molto competitivo, anche in considerazione del fatto che il telaio 101XC non ha mai puntato sulla leggerezza, quanto sull’ottima rigidità, come sua caratteristica principale. Infatti la nuova forcella esalta al meglio le prestazioni del telaio in termini di rigidità, permettendo una elevata reattività e pronta risposta alle sollecitazioni dell’atleta. Così le prestazioni su percorsi veloci e compatti sono ottime in assoluto ed altrettanto veloci sono gli inserimenti in curva, i cambi di direzione ed in generale i percorsi guidati, ma con fondo compatto e scorrevole. In salita, il peso ridotto, l’ottima distribuzione dei pesi e le ruote da 29 pollici rendono la bici molto competitiva e facile da condurre, anche su tracciati difficili tecnicamente. In discesa le prestazioni sono ottime su fondi compatti, mentre se il percorso è più difficile tecnicamente la forcella rigida impone qualche limite e la bici non è più così competitiva. Nel complesso è una bici velocissima su fondi compatti e veloci ed in salita, mentre su percorsi tecnicamente difficili si può avvertire la mancanza di una forcella ammortizzata, soprattutto alle velocità più elevate o attraversando tratti difficili ad una velocità sostenuta. In queste situazioni una forcella tradizionale permette di assorbire il colpo, consentendo alla ruota di rimanere più a contatto con il terreno, limitando le reazioni che si ripercuotono al telaio e mantenendo la bici più stabile. Se quindi la forcella rigida impone qualche limite, dall’altro offre degli indubbi vantaggi e si dimostra la scelta vincente in determinate condizioni. Il telaio Wilier 101XC si dimostra ottimo in termini di rigidità assoluta, precisione ed equilibrio di guida, tutte caratteristiche che gli permettono di essere sempre competitivo su di ogni percorso. Il particolare assemblaggio della bici in test, ne esalta le caratteristiche di “MTB Veloce”, quindi perfetta per percorsi con fondo compatto e scorrevole, dove esprime al meglio tutto il suo potenziale. Il valido comfort di marcia ne fanno anche una valida scelta come bici da trekking/turismo a 360 gradi.

Il nostro voto al modello in test: 9/10

 

 

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Twitter