mastehead

Metodo Pruitt

Il dott. Pruitt, biomeccanico americano, ha posto la sua attenzione sulla determinazione di un'altezza della sella tale che l'articolazione del ginocchio possa lavorare senza stressare le strutture tendino-cartilaginee.

Mettendo il piede sul pedale in posizione orizzontale, parallelo al terreno, e con la pedivella verticale in basso (punto morto inferiore) l'angolo formato tra il femore ed il prolungamento della tibia deve essere al massimo di 25-30 gradi. A questa situazione statica dovrebbe poi corrisponde, nella dinamica della pedalata, un angolo di 40-45 gradi dovuto all'estensione della caviglia.

Commento

Non è un metodo molto usato e non porta alla migliore efficienza biomeccanica della pedalata (almeno secondo altri esperti) in quanto posiziona in alto la sella. Però è un sistema molto valido perché consente di ridurre al minimo la possibilità di patologie al ginocchio e tiene in considerazione le scarpe ed i pedali adottati. Il principale problema è la definizione corretta dell'angolo di lavoro del ginocchio, in quanto la misura statica può differire di molto da quella dinamica, è bene quindi confrontare le due diverse misurazioni, cosa non molto facile da realizzare. Superato questo ostacolo, rimane tra i migliori sistemi di regolazione della sella in modo da ridurre al minimo i traumi al ginocchio.

Metodo Haushalter

Il dott. Haushalter è giunto a conclusioni simili a quelle del dott. Pruitt. Analizzando gli angoli di lavoro del ginocchio ha determinato un'altezza della sella che portasse a una buona efficienza biomeccanica, ma che evitasse inutili traumi e sovraccarichi al ginocchio. Posizionando la pedivella al punto morto inferiore, con il tallone abbassato al livello dell'asse del pedale o leggermente sotto l'angolo formato dalla linea che congiunge il malleolo esterno alla testa del perone, la linea verticale che scende dalla stessa testa del femore deve essere di 15 gradi. L'altezza della sella va quindi regolata in modo che si crei questo angolo.

Commento

Al pari del metodo Pruitt anche quello del dott. Haushalter pone l'accento sulla necessità che la pedalata non porti, nel lungo termine, a traumi e lesioni al ginocchio. L'altezza della sella è più elevata rispetto a tutti gli altri metodi e, nella pratica, coincidente con il metodo Pruitt, di cui ne accomuna pregi e difetti. Tra i pregi la riduzione dell'eventualità di traumi al ginocchio, la regolazione dell'altezza in base alle scarpe e pedali adottati, l'analisi della flessibilità muscolare ed articolare. I difetti, oltre ad un'efficienza biomeccanica ridotta: la difficoltà nel determinare l'esatto angolo di lavoro del ginocchio.

FacebookTwitter
X

Right Click

No right click