Con la razione di attesa andiamo ad indicare quella razione alimentare che si ingerisce tra l'ultimo pasto e la partenza della gara. Questa ingestione di alimenti è utile per una serie di motivi.

Lo stress provocato dall'attesa della partenza ha un effetto ipoglicemizzante che va combattuto con una opportuna introduzione di glicidi, inoltre si combatte il rischio ipoglicemico nei primi 35-40 minuti di gara e la possibile sensazione di fame al momento della partenza. L'ingestione degli alimenti dovrebbe avvenire circa 30-40 minuti prima della gara e dovrebbe consistere sostanzialmente in un pasto liquido composto da sali minerali e carboidrati. In pratica consiglio una bevanda composta da maltodestrine (cioè carboidrati a lento rilascio) e fruttosio con una concentrazione che non dovrebbe superare il 6%. A questo pasto liquido si può aggiungere una piccola quantità di alimenti solidi come le barrette energetiche, avendo l'accortezza di sceglierne tra quelle che presentino un basso valore di lipidi e proteine e con glicidi facilmente assimilabili. Anche in questo caso occorre avere l'accortezza di sperimentare con calma la propria razione alimentare ed adattarla alle proprie esigenze.

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Twitter