I carboidrati assunti con l’alimentazione vengono immagazzinati, se non immediatamente utilizzati a fini energetici, sotto forma di glicogeno muscolare, nel fegato e nei muscoli, o trasformati in grassi. L’organismo umano ha una ridotta capacità di immagazzinare glicogeno, più ridotta nei soggetti sedentari che negli sportivi, ma in generale limitata.

E’ possibile comunque aumentare, entro certi limiti, le scorte di glicogeno, pur sapendo che una volta che l’organismo ha esaurito le sue capacità di immagazzinare glicogeno i carboidrati assunti verranno trasformati ed immagazzinati come grassi. Errore diffuso, quindi, da parte di molti sportivi, è di assumere grandi quantità di carboidrati prima di una gara, avendo come unico risultato non un aumento delle scorte di glicogeno, ma di tessuto adiposo. Solitamente le scorte di glicogeno assommano a circa 1.5/1.7 grammi di glicogeno per 100 grammi di muscolo, che possono raggiungere i 2.5 grammi in soggetti allenati; con una adeguata alimentazione si può raggiungere il valore di 4/5 grammi per 100 grammi di muscolo. Vedremo come raggiungere tale risultato. 

 

 

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Twitter