mastehead

Un ottimo integratore idro salino la cui efficacia non viene mai meno, nonostante sia stato inventato nel 1965

 

L'Azienda

Parlare di Gatorade è un po’ parlare della storia dell'integrazione alimentare ed in particolar modo dell'integrazione idro-salina. Tutto iniziò nel 1965, quando un vice allenatore dell'Università della Florida chiese ai dottori di aiutarlo a capire perchè molti dei suoi giocatori venivano colpiti da disturbi collegati al calore. I ricercatori Dr. Robert Cade, Dr. Dana Shires, Dr. H. James Free e il Dr. Alejandro de Queseda scoprirono rapidamente due fattori chiave che stavano alla base del calo fisico dei Gator: i liquidi e i sali minerali che i giocatori perdevano con il sudore non venivano reintegrati, e la quantità di carboidrati che i giocatori utilizzavano come fonte di energia non venivano riforniti. Misero così a punto una nuova bevanda perfettamente equilibrata di sali minerali e carboidrati che avrebbe sostituito adeguatamente tutte le sostanze perse dai giocatori Gators durante l'attività come conseguenza di affaticamento e sudore: nacque il "Gatorade". I successivi successi della squadra testimoniarono la validità della nuovo bevanda, che ben presto venne adottata da moltissime squadre americane, tanto che nel 1983 Gatorade divenne la bevanda ufficiale della NFL  (National Football League), titolo che mantiene ancora oggi. Gatorade nel tempo ha creato un importante centro di ricerca situato a Barrington, Illinois, il Gatorade Sports Science Institute; questo istituto ha permesso, nel corso degli anni, di sviluppare nuovi prodotti adatti a diverse discipline tra cui segnaliamo Gatorade In-Car Drinking System, bevanda studiata per i piloti di auto, e la serie Gatorade Performance Series, Gatorade Energy Drink, Gatorade Energy Bar e Gatorade Nutrition Shake. Nel corso degli anni si sono affacciati sul mercato altri competitors, ciò nonostante la validità dei prodotti Gatorade rimane inalterata, in definitiva Gatorade è un "pezzo di storia dell'integrazione alimentare sportiva".

I prodotti Gatorade

Gatorade propone una serie completa di integratori idro salini; il Gatorade Endurance Performance è un integratore salino in polvere da sciogliersi in acqua e destinato a sport di lunga resistenza, disponibile in due gusti: arancia e limone. Poi abbiamo il Gatorade Young Strars, un integratore idro salino messo a punto per i giovani che hanno un'età compresa tra gli 8 ed i 12 anni, disponibile sempre in due gusti: tropical ed arancia. Infine, la "classica" linea Gatorade, che da quest'anno si è arricchita della speciale versione "Ducati Corse", quest'ultima è dedicata agli sportivi impegnati nel mondo dei motori e proposta in due gusti: Extreme Lemon e Racing Melon. Il Gatorade classico, invece, è proposto nei gusti  limone, arancia, arancia rossa, cool blue, lemon ice, mela verde e pesca. Diverse, poi, sono le confezioni disponibili: 500 ml, 1.000ml (disponibile nei soli gusti cool blu, arancia rossa, arancia e limone) e 1.750 ml (disponibile nei soli gusti  pesca, arancia rossa, arancia e limone).

Il Gatorade in prova

Abbiamo testato il Gatorade sia nei gusti arancia che arancia rossa nella confezione da 500 ml. Questo il contenuto dichiarato dalla Gatorade per 100 ml di prodotto:
Val energetico 105kj (25 kcal)
Proteine 0 grammi
Carboidrati 6 grammi
Grassi 0 grammi
Sodio 50 milligrammi
Cloruro 47 milligrammi
Potassio 12 milligrammi
Magnesio 5 milligrammi

La prova

La nostra prova è stata tesa a verificare gli effettivi benefici del Gatorade. Per questo abbiamo usato tre tester che hanno seguito una serie di allenamenti sia reintegrando i liquidi con la bevanda Gatorade, sia con acqua naturale che con un altro integratore. I tester, a parte l'acqua, non sapevano quale integratore stessero usando.  Per tutti e tre i tester si è trattato di eseguire un allenamento identico alla medesima ora del giorno ed in condizioni ambientali (caldo, vento, umidità) simili, non sono mancati una serie di allenamenti indoor a temperatura ed umidità controllata. Nel corso del test tutti hanno seguito un medesimo regime alimentare, calibrato in base alla propria costituzione fisica; abbiamo cercato quindi di ridurre al minimo i rischi che diverse abitudini alimentari potessero influenzare il test. Gli allenamenti indoor sono stati eseguiti come base di riscontro a quanto rilevato negli allenamenti su strada, per essere certi che le minime differenze di condizioni ambientali non avessero influito sui risultati. Per gli allenamenti ci siamo avvalsi della medesima bici, usata a turno dai tre tester con quote antropometriche simili, dotata del cardiofrequenzimetro Polar CS 600 Power, dotato cioè del misuratore di potenza. L'allenamento è consistito in un ciclo di riscaldamento, quindi un test per misurare la potenza massima sviluppata, quindi un allenamento a potenza costante ad un valore di soglia anaerobica ed infine un nuovo test di potenza massima. Considerando che il grado di allenamento dei tre atleti era sufficiente a sopportare il tipo di test, abbiamo voluto vedere quale differenza ci fosse nella potenza sviluppata dall'atleta dopo circa 2 ore di allenamento e come questa possa essere influenzata dall'integrazione di liquidi naturali come l'acqua o di una specifica bevanda come il Gatorade, l'uso della terza bevanda è servito per verificare l'efficienza del Gatorade rispetto ad altri integratori. L'utilizzo della strumentazione Polar CS600 Power ci ha consentito non solo di monitorare la potenza massima sviluppata ad inizio e fine allenamento, ma soprattutto che l'atleta sviluppasse una potenza il quanto più costante possibile durante la fase centrale dell'allenamento, così da avere uno stress fisico identico durante le varie prove. Ovviamente, tutti gli atleti hanno indossato la medesima divisa in modo che si neutralizzassero anche le eventuali differenze di traspirabilità tra i vari indumenti. Tutti hanno bevuto la medesima quantità di liquidi, prima e durante l'allenamento. Dal punto di vista prettamente pratico i due gusti disponibili sono risultati gradevoli al palato a tutti i testers. In questo è risultata più gradevole rispetto alla soluzione di confronto ed in generale rispetto ad altre bevande similari, fatto questo che ne agevola la sua assunzione. La bottiglia è risultata ben conformata e con una facile apertura, ma abbiamo preferito versare il contenuto nelle borracce, sia per non far conoscere il tipo di integratore ai testers, sia perchè le dimensioni della bottiglia sono troppo contenute per rimanere saldamente nel portaborraccia. D'altro canto si tratta di una bevanda "trasversale" ed è normale che non sia conformata per un utilizzo specifico. Vediamo ora i risultati, che sono espressi in differenze percentuali in quanto non è importante il dato assoluto, ma la sua variazione percentuale.

Allenamento Outdoor

                 Acqua        Integratore idro salino       Gatorade

Tester 1      100 - 86            100 - 96                  100 - 98

Tester 2      100 - 82            100 - 94                  100 - 97  

Tester 3      100 - 89            100 - 96                  100 - 99

 

Allenamento Indoor

                 Acqua        Integratore idro salino       Gatorade

Tester 1      100 - 83            100 - 94                  100 - 97

Tester 2      100 - 79            100 - 93                  100 - 96

Tester 3      100 - 87            100 - 95                  100 - 98

Nelle due tabelle il primo valore è la potenza in percentuale espressa dopo la fase di riscaldamento, il secondo valore è la potenza espressa alla fine dell'allenamento, sempre in termini percentuali. La temperatura durante gli allenamenti è oscillata tra i 30 ed i 33 gradi centigradi. Tutti i tester non sapevano quale integratore stessero usando, a parte l'acqua, ovviamente. Per tutti, il Gatorade è risultato il più gradevole come gusto, tanto da assimilarlo ad una normale bevanda alla frutta. Per tutti, l'allenamento più difficile è risultato quello in cui nella borraccia si trovava solo l'acqua; infatti, in tutti i casi gli atleti sono giunti stremati alla fine del test, con evidenti principi di crampi e nell'impossibilità di continuare a lungo l'allenamento, soprattutto impossibilitati a continuare a tenere il ritmo iniziale imposto. Con lo stesso liquido, l'allenamento indoor non ha fatto altro che ampliare i problemi emersi su strada, con una maggior sudorazione, gli atleti hanno iniziato a soffrire già dopo 1 ora di allenamento, con un evidente calo prestazionale nella fase finale dell'allenamento. L'integratore idro salino non è risultato molto appetitoso ed essendo in polvere lo abbiamo dosato con cura secondo le istruzioni riportate sulla confezione. La sua efficacia è risultata evidente, visto che nessuno dei tre atleti ha accusato il calo evidente di prestazioni avuto nella parte finale dell'allenamento, mantenendo sempre un ritmo elevato ed ottime prestazioni massime alla fine del test. Inoltre, a differenza di quanto è avvenuto con l'acqua, tutti i testers sarebbero stati in grado di continuare l'allenamento, a testimonianza della buona integrazione avuta. L'allenamento indoor non ha fatto altro che dimostrare le differenze emerse nell'allenamento su strada. Con il Gatorade, gli atleti si sono trovati ancora meglio: gustoso al palato, hanno bevuto di più, evidentemente trovandolo buono hanno ingerito una quantità maggiore, mentre con gli altri liquidi attendevano di avere sete. Questo aspetto ha migliorato la quantità di sali e carboidrati ingeriti portando ad una maggiore integrazione. Per questo gli atleti sono arrivati alla fine dell'allenamento ancora più "freschi", riuscendo ad esprimere ottime prestazioni ed una forma che gli avrebbe permesso di continuare ancora a lungo l'allenamento. Gli stessi ottimi risultati sono emersi nell'allenamento indoor. Oltre al gusto migliore, il Gatorade è risultato meglio bilanciato nella sua composizione rispetto all'integratore idro-salino preso come confronto. Infatti, pur avendo una minore quantità di glucidi (in %) questa permetteva agli stessi di essere più rapidamente assorbiti ed utilizzati dall'organismo, mentre la maggiore percentuale di sali disciolti ha permesso una migliore reintegrazione dei sali persi con il sudore. Inoltre, c'è da osservare, che mentre il Gatorade aveva una soluzione di glicidi al 6%, questo non avveniva nell'altro integratore, che ne aveva una percentuale inferiore. Questo ha portato evidenti benefici nell'allenamento indoor, dove la sudorazione è stata maggiore, in cui la migliore integrazione avuta con il Gatorade ha permesso agli atleti di ottenere prestazioni, alla fine dell'allenamento, ancora migliori di quelle ottenute con l'integratore di riferimento.

Conclusioni

Il Gatorade ha dimostrato la sua efficacia, soprattutto rispetto alla classica reintegrazione con l'acqua. Il divario tra i due liquidi è tanto maggiore tanto più è elevata la sudorazione, come nel caso dell'allenamento indoor, dove la maggior sudorazione ha messo in crisi gli atleti nel test con sola acqua. Un discorso a parte merita invece l'integratore idro salino preso per confronto. In questo caso, Gatorade è risultato vincente, se pur di poco, come era da aspettarsi. A vantaggio del Gatorade è il fatto che la soluzione è già pronta e ben bilanciata tra sali e carboidrati, mentre nell'altro caso era da preparare; inoltre, erano differenti le percentuali di sali e carboidrati presenti. La soluzione di Gatorade con carboidrati presenti nella misura del 6% permette un rapido assorbimento degli stessi, cosa che non avviene con percentuali superiori. Il rischio con soluzioni da miscelare è quello di superare tale percentuale, aumentandone il tempo di assorbimento nell'intestino e riducendone l'efficacia. Questo è stato più volte dimostrato in ripetuti test di laboratorio ed universalmente riconosciuto dalla comunità scientifica. In definitiva, il Gatorade ha dimostrato la sua validità e bontà: non fa andare più forte in termini assoluti, ma permette all'atleta di mantenere a lungo le sue massime prestazioni, e questo non è poco.  A suo vantaggio, inoltre, anche la sua facile reperibilità, la varietà di gusti disponibili ed il suo sapore gradevole e gustoso che ne agevola la sua assunzione. 

Il prezzo

E' un prodotto di larga diffusione; il costo della confezione da 500 ml da noi testata è di 0,99 Euro, un prezzo corretto considerando la sua efficacia, ovviamente nei grandi magazzini si può fare scorta durante le offerte promozionali.

A chi è adatto

Agonista: un ottimo integratore, la cui efficacia è stata più volte confermata
Granfondista-cicloturista: l'integrazione idro salina è sempre importante, il gusto gradevole ne fanno un ottimo sostituto dell'acqua con evidenti vantaggi nelle lunghe uscite in bici

Aspetti positivi

Efficacia nella reintegrazioni di liquidi, sali e carboidrati
Giuste percentuali di sali e carboidrati disciolti nel contenuto

Sapore gradevole
Varietà di gusti e confezioni disponibili
Facile reperibilità

Aspetti negativi

Nessuno

Alcune considerazioni finali

Spesso gli scettici degli integratori ribattono che non ne hanno bisogno ed è inutile utilizzarli quando si ha l'accortezza di portarsi con se cibi salati, come scaglie di Parmigiano o simili. Se pure tali alimenti contengano abbondanti quantità di sali minerali sufficienti a reintegrare quanto perso con la sudorazione, la tempistica e le modalità di assorbimento sono completamente differenti, tanto da sconsigliarne l'uso durante le uscite in bicicletta. Infatti, mentre soluzioni idro saline, opportunamente dosate, vengono immediatamente assorbite dall'intestino, questo non avviene con altri alimenti, tanto più quanto contengono elevate percentuali di grassi. Infatti, in tali casi all'intestino occorrono almeno un paio d'ore per assorbire i principi alimentari, ma nel frattempo l'organismo avrà già da tempo esaurito le proprie scorte, con un inevitabile calo di prestazioni.

Per saperne di più

Pepsico Beverages Italia S.R.L.
Via Tiziano 32
20145 Milano
Tel. +39-02-434381
Fax. +39-02-43438200
Sito Internet: http://www.gatorade.it/

Test svolto in collaborazione con:

 

FacebookTwitter
X

Right Click

No right click