Marco Aurelio Fontana e Santini firmano la divisa 2017 del Team Bianchi-Countervail


Un’azienda familiare nata nel 1965 dall’intuizione di Pietro Santini e fondata sulla passione per il ciclismo e le competizioni, Santini Cycling Wear è testimone della storia e dell’evoluzione delle tecnologie tessili che hanno rivoluzionato la disciplina delle due ruote.

Proseguendo il percorso di affiancamento ai grandi campioni delle singole discipline per sviluppare capi sempre più performanti, Santini riconferma il proprio supporto al team Bianchi-Countervail per la realizzazione dell’abbigliamento da gara della squadra impegnata nelle competizioni elite di mountain bike.

«Il nostro lungo rapporto di collaborazione con la Bianchi-Countervail si basa sulla condivisione di una passione comune per il ciclismo in tutte le sue forme - commenta Monica Santini, amministratore delegato di Santini Cycling Wear. La nostra partnership con il team quest’anno si è arricchita del contributo di Marco Aurelio Fontana che ha attivamente collaborato allo sviluppo del kit della squadra. La sua incredibile esperienza tecnica e l’inesauribile spirito verso la ricerca della perfezione sono stati per noi una grande spinta per la creazione di nuovi modelli».

Image

Fontana ha infatti partecipato alla realizzazione del completo per il team Bianchi-Countervail, lavorando a stretto contatto con il designer di Bianchi Fabio Belotti e i designer Santini per la ricerca dei materiali più avanzati.

«Sono davvero entusiasta di questa collaborazione – afferma Fontana, bronzo olimpico nel 2012 e new entry del team Bianchi-Countervail – insieme a Santini e Bianchi abbiamo disegnato un completo che potesse unire uno stile moderno ed elegante, all’alta tecnologia dei materiali e alla massima protezione. Il kit si distinguerà dai classici kit da ciclismo: la maglia ha infatti un fit aderente ma con un taglio fuoristradistico ed è più lunga del solito, così come il particolare calzoncino che arriva fin sopra il ginocchio».

IL KIT SANTINI PER IL TEAM BIANCHI-COUNTERVAIL

La maglia è graficamente caratterizzata dall’elemento di una linea spezzata che rappresenta il concetto alla base delle proprietà tecniche del materiale Countervail®, materiale che, integrato esclusivamente all'interno dei telai Bianchi CV, ha la capacità di eliminare le vibrazioni. La linea passa infatti da un movimento molto spezzato, che rappresenta la vibrazione, fino a scemare totalmente indicando il cessare di tale moto. La banda nera centrale della jersey, sulla quale campeggia il logo della squadra, ha una texture carbon. Il celeste è dominante sull’intera maglia, anche sulle maniche, per rafforzare l’importanza del colore istituzionale Bianchi. Sotto il profilo dei materiali utilizzati, la maglia è realizzata in un tessuto estremamente elastico che rende la vestibilità morbida e comoda. La maglia, studiata espressamente da Marco Aurelio Fontana, rimane aderente senza però costringere troppo, ed è più lunga su fianchi e sulle maniche per distinguerla dai capi per la strada. Presenta una zip frontale e due tasche posteriori con apertura ergonomica richiudibile.

La maglia grazie alla particolare grafica si abbina perfettamente al pantaloncino che risulta essere totalmente nero. Quest’ultimo confezionato in Lycra per la parte frontale e con fondo gamba risvoltato, come da indicazioni di Fontana, presenta nell’area dei fianchi degli inserti in Impact - un un innovativo tessuto anti-abrasione con fibra Dyneema - in grado di garantire massima resistenza a cadute e sfregamenti, senza però sacrificarne il comfort. Questi innovativi inserti anti-crash permetteranno di ridurre al minimo le ferite da sfregamento proprio nei punti maggiormente sottoposti a rischio in caso di cadute. L’utilizzo di questo innovativo materiale e il particolare design del capo risultano essere la perfetta sintesi della collaborazione tra il rider Marco Aurelio e Santini.

 

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Ultime Notizie Gare

Ultimi Articoli Alimentazione - Fisiologia - Biomeccanica - Allenamento - Q&A