Santini veste il Vanotti Cycle Camp: per gli amatori che vogliono sentirsi pro


L’ex professionista su strada, Alessandro Vanotti, chiude la carriera agonistica a 37 anni, ma apre quella di coach e formatore per gli appassionati ciclisti che vogliono migliorare grazie ai consigli di un atleta che ha gareggiato con team vincitori delle tre grandi corse a tappe. E ad indossare i sogni di tutti ci sarà Santini, l’azienda bergamasca punto di riferimento nell’abbigliamento tecnico da ciclismo.

Quando si chiede ad Alessandro Vanotti di sintetizzare la sua carriera, il bergamasco risponde elencando 13 anni di professionismo su strada iniziati alla corte di Gianluigi Stanga con De Nardi, Domina vacanze e Milram per poi migrare al Team Liquigas e Astana, sempre a supportare le imprese di grandi capitani, come del resto ha fatto vestendo la maglia azzurra al mondiale di Firenze e ai Giochi Europei di Baku. Oggi Vanotti si è ritirato dall’agonismo, ma nella sua personale bacheca l’ex pro può fregiarsi di aver contribuito a conquistare tre Giri d’Italia, una Vuelta e soprattutto un Tour de France: «Si l’apice l’ho raggiunto con la maglia gialla di Nibali e la parata sugli Champs-Élysées: non la dimenticherò mai!».

Difficile dare una definizione netta alle caratteristiche fisiche di Vanotti: passista scalatore, buon cronoman, polivalente su vari terreni «ma sempre al servizio di un capitano» sottolinea l’orobico, e col passare degli anni, anche ‘facilitatore’ verso i più giovani, a cui trasferire consigli e indicazioni. Ed è questa sua predisposizione alla vicinanza verso gli altri che, ora che la sua carriera agonistica si è chiusa, gli consente di realizzare un’idea che cullava da tempo: il Vanotti Cycle Camp.

Gli amatori evoluti che vogliono migliorare le proprie performance, ma anche chi si avvicina al ciclismo su strada, potrà avvalersi delle iniziative che il team Vanotti sta allestendo e definendo nei programmi: pacchetti da 3 a 7 giorni, in cui pedalare a fianco di un ex-pro del valore di Alessandro, con lezioni di allenamento e alimentazione, consigli sulla respirazione e analisi biomeccanica, tecnica di guida e stile di vita, grazie a vari collaboratori e specialisti nei singoli campi.

«Vogliamo offrire agli amatori una esperienza, quella magia di un classico ‘ritiro’ di un team professionistico su strada, dalla mattina alla sera, proprio come vive un ciclista in quei giorni - sottolinea Vanotti – ma senza esagerare, senza esasperazione, solo il piacere di pedalare in gruppo con uno che lo ha fatto di mestiere».

Un progetto di ampio respiro che coinvolgerà anche aziende del settore, e la prima ad entrare nel pool del progetto è Santini Cycling Wear che fornirà l’abbigliamento ufficiale di tutte le iniziative di Vanotti «e oltre ad essere fornitori, Alessandro diventerà nostro ambassador e contributor nello sviluppo tecnico dei futuri capi delle collezioni per il ciclismo su strada» ha sottolineato Paola Santini, responsabile marketing dell’azienda.

Il logo dell’iniziativa, realizzato dallo Studio Bold di Valter Tarenghi, è ispirato al nome dell’ex pro, spesso scritto sulla stampa abbreviato in “A.Vanotti”: una formula che ha ricordato al grafico i piccoli pesci in crescita vorticosa, gli avannotti appunto: pesci mai fermi, nati per nuotare sempre e comunque, quasi mai da soli.

In via di definizione nei prossimi giorni il calendario degli appuntamenti che vedranno i clinic ospitati in Trentino, sul lago di Garda, in Emilia Romagna e in Toscana, e sul finire della stagione anche in Sardegna «e vorrei fare anche dei piccoli clinic di un giorno, magari nella mia città, Bergamo» conclude Vanotti, ricordando che il progetto è work in progress, ma che gli obiettivi sono già estremamente chiari.

 

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to Twitter

Ultime News

Ultime Notizie Gare