Wilier, in attesa del debutto ufficiale, ha rilevato ulteriori particolari tecnici del nuovo modello Zero.7.

Il nuovo sterzo differenziato ha cuscinetti da 1”1/8 ed 1”1/4, ma all’esterno la differenziazione dei due diametri non è particolarmente accentuata; in questo modo Wilier ritiene di aver ottenuto un bilanciamento ottimale fra la rigidità, la manovrabilità della bicicletta, la leggerezza ed il comfort. Il nuovo movimento centrale BB386EVO è più lungo della media (86,5 mm), presenta un diametro maggiorato (46 mm) per ospitare una guarnitura in carbonio con un perno da 30 millimetri in alluminio. E’ stato riscontrato che il BB386EVO aumenta la rigidità del 30% e riduce a zero la dispersione di forza durante la pedalata. Inoltre, è compatibile con tutti gli standard di tipo tradizionale esistenti sul mercato. Altra particolarità della realizzazione del telaio, esclusivo di Wilier Triestina, è l’utilizzo di un nuovo composto denominato S.E.I Film (Special Elastic Infiltrated). L’inserimento di un materiale dalla formulazione segreta fra gli strati di carbonio aumenta l’assorbimento delle vibrazioni e la resistenza all’impatto. Il telaio risulta quindi più sicuro e confortevole. Ma anche più leggero: con S.E.I Film, infatti, si possono ottenere le più elevate proprietà meccaniche con un minore utilizzo di composito. Il telaio riprende il mix di carbonio usato con successo sul modello Cento1 SL, ed utilizza fibre di carbonio con differenti specificità, fra cui MR60H, con un modulo elastico pari a 60 tonnellate per millimetro quadrato. La compattezza del composito di carbonio e la sua resistenza all’urto vengono aumentate inserendo nella resina epossidica nanoparticelle di Ossido di Zinco (ZnO). Inoltre, il telaio di Zero.7, come quello di Cento1 SL, viene realizzato con la tecnica costruttiva LIT (Large Inflatable Tube), che compatta le fibre contro le pareti dello stampo rendendo assolutamente uniformi gli spessori del carbonio. Il peso di un telaio verniciato scende sotto la soglia degli 800 grammi (795 gr. misura M).

 

 

 

 

 

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Twitter