Vediamo come rendere una forcella da mountain bike, con pochi accorgimenti, perfettamente scorrevole e sempre a punto.

 

Premesso che occorre partire da un’ottima base ed un corretto set up, poi la differenza la fa la manutenzione ordinaria. Con l’uso, la polvere, l’acqua, l’olio all’interno della forcella si contamina e perde mano a mano le sue caratteristiche . Questo, insieme allo sporco che si insinua all’interno della forcella, porta ad una riduzione della scorrevolezza della forcella stessa.

La forcella sarà meno pronta a muoversi sui piccoli colpi, ma anche lenta nel tornare nella sua posizione estesa nelle buche in rapida successione. L’errore di molti è modificare il set up per compensare questo decadimento naturale delle prestazioni della forcella. Per evitare questo inconveniente è invece preferibile procedere ad una corretta manutenzione della forcella, che consiste nella sostituzione dell’olio, nella pulizia interna degli steli e nell’eventuale sostituzione degli o-ring. In questo modo si tolgono tutte le impurità che sono presenti all’interno della forcella e si ottiene un comportamento fluido e scorrevole. Importante, per una ulteriore personalizzazione, la gradazione dell’olio, che di norma dovrebbe essere di 7.5W, ma può essere usato un olio più fluido, con gradazione 5W, soprattutto in inverno o con molto freddo; in presenza di temperature elevate è invece preferibile usare un 10W, fino anche a 15W. Avremo così un set up della forcella perfetto per le nostre esigenze ed un funzionamento sempre ottimo. Solitamente le Aziende prevedono tali operazioni ogni 50 o 100 ore di funzionamento, ma nulla ci vieta di accorciare i tempi, magari prima di ogni gara …

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Twitter
X

Right Click

No right click