Vai alla Foto Gallery


Vai alla Video Gallery


Il nuovo Storck Fascenario F 0.6 introduce diverse novità tecnica, alcune delle quali molto interessanti e che in futuro verranno sicuramente riprese anche da altre aziende concorrenti. Il telaio è un monoscocca in fibra di carbonio ad alto modulo. Presenta la particolarità dei freni integrati. Il freno anteriore viene integrato nella forcella, in questo modo si ha un profilo più aerodinamico, ma soprattutto una maggiore rigidità della forcella e del corpo freno. Aumenta la potenza frenante e la modulabilità dell'impianto, perché si generano meno vibrazioni, ma anche la stabilità e la precisione e velocità negli inserimenti in curva dopo una brusca frenata. In sostanza, abbandonando il vecchio schema si introduce un nuovo impianto frenante che è globalmente più leggero, ma soprattutto più rigido e meglio collegato alla forcella stessa. In questo modo le forze che si vengono a generare in fase di frenata sono meglio assorbite dal telaio e dalla forcella, creando minori criticità, che si ripercuotono sulla potenza frenante, sulla sua modulabilità e sulle doti di guida del mezzo stesso. Una soluzione che si estenderà ad altri costruttori, infatti, se Storck è stato il primo a presentare ufficialmente questa soluzione, altri costruttori, in totale autonomia e senza conoscere la soluzione di Storck, sono giunti a conclusioni simili, come abbiamo potuto notare, avendo avuto la possibilità di visionare alcuni progetti e prototipi delle future collezioni 2012. Anche il freno posteriore adotta la medesima soluzione tecnica. Questo è integrato all'interno dei tubi alti ed in questo modo si ottiene una migliore modulabilità, potenza frenante ed un miglior assetto della ruota posteriore in frenata, perché le forze generate si disperdono meglio su tutto il telaio. Oltre a queste soluzioni, segnaliamo la nuova guarnitura, completamente in fibra di carbonio.

Tante soluzioni tecniche si associano ad un'estetica generale del telaio molto classica, con i tubi principali grandi si, ma senza esagerazioni, così come il canotto di sterzo, con i classici cuscinetti da 1 pollice ed 1/8. Ancora, lo stesso movimento centrale ha standard classico e non presenta le classiche dimensioni over-size. Cinque le taglie disponibili, mentre il peso del kit telaio (telaio, forcella, freni e guarnitura) raggiunge l'ottimo valore di 1750 grammi. Il kit telaio ha un prezzo, in Germania, di circa 7499 Euro. La bici è poi assemblata con il gruppo Shimano Dura Ace, adottato per i comandi, pacco pignoni, catena, cambio e deragliatore. Attacco, manubrio e reggisella sono Syntace, personalizzati per Storck, così come è personalizzata la sella Prologo. Le ruote sono ad alto profilo in fibra di carbonio. Così assemblata la bici raggiunge un costo di 11498 Euro ed un peso di 5.5 kg. I prezzi elevati vengono giustificati dagli alti contenuti tecnici del prodotto, sia del kit telaio che della bici assemblata. Ottima la qualità costruttiva e molto competitivo il peso della bici completa, se pur non costituisce un record, visto che oramai le "dreem-bike" sono tutte sotto i cinque chili. Una bici di alto spessore tecnico, molto personale e con prestazioni di rilievo.

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Twitter