Paolo Simion è rimasto vittima domenica 9 dicembre di un incidente a Trevignano (Treviso), poco dopo mezzogiorno, mentre era in allenamento. Il corridore della Bardinai-CSF ha riportato un trauma cranico, che gli ha procurato un ematoma di lieve entità, ma nessuna altra frattura. E’ ricoverato presso l’ospedale di Treviso, dove con ogni probabilità passerà la notte in osservazione.

L’incidente è avvenuto nei pressi di una rotonda in centro al paese e l’esatta dinamica è in corso di accertamento. Testimoni oculari hanno visto Simion finire rovinosamente a terra dopo aver colpito il cordolo di un marciapiede per evitare l’impatto con un’automobile. Immediatamente soccorso dai presenti (incluso l’autista dell’auto di cui sopra), il veneziano ha ripreso conoscenza all’arrivo dell’auto medica che l’ha immobilizzato. Dopo i primi riscontri positivi alle domande del personale medico, è stato trasferito tramite elisoccorso all’ospedale di Treviso, più attrezzato per traumi cranici e celebrali rispetto al vicino ospedale di Montebelluna. Gli accertamenti, incluse radiografie e una TAC con contrasto al cranio, hanno escluso gravi danni e rilevato il solo ematoma.

Nonostante un blackout di memoria di tre ore, Simion ha parlato coscientemente con i genitori e lo staff della Bardiani-CSF. Come conferma il DS Zanatta, che l’ha raggiunto in ospedale, il corridore è ancora un po’ stordito ma sereno e tranquillo.

In caso di nuove informazioni mediche, seguiranno aggiornamenti.

photo credits © BettiniPhoto

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Twitter