Prendiamo spunto da una lettera di un lettore che si è bene informato sul web ... vediamo quanto bene lo hanno informato o meglio quante fesserie gli hanno raccontato ....

Buonasera Luca,

1 - mentre sto aspettando offerta economica per il Tarmac 2018 mi porto avanti con Trek Emonda SLR8 2018, così che se non sono soddisfatto economicamente prenderò la Trek (il negoziante vicino a casa è Specialized ed è bravo al max mi aiuterà con la Trek... che il negoziante è invece a 50 km da Milano).

2 - Veniamo a noi, se mi orienterò su Trek prenderò l'Emonda SLR8 modello 2018 bianca o rossa e vorrei montare le Fulcrum Speed 40 Clincher (che mi lascia allo stesso prezzo) che da quanto leggo su Internet sono molto meglio delle Bontrager Aeolus Pro 3 Tlr e in più frenano molto meglio sul bagnato (in quanto non vorrei prendere ruote in alluminio ma usare sempre queste 2 volte la settimana rulli e qualche volta uscita in bici, se non è un cazzata! Nelle gare se diluvia non parto e se pioviggina o è umido vado piano, può andare?).

3 - Per il cambio mi consigliano il DuraAce che è molto più preciso e non necessita di regolazioni (così non è mi dicono per lo Sram Red)

4 - mi dicono che si può montare pacco pignoni da 32 Ultegra o il 30 DuraAce cosa mi conviene fare?

5 - Per il telaio prenderei H1 che mi dicono sia più basso davanti, che oltre per una questione estetica (mi piace poco l'Emonda così alta davanti) dovrebbe permettermi una sbalzo sella manubrio di 10 cm come rilevato dal biomeccanico (ora a 8,5 con la mia perchè a pacco).

6 - Per la sella attualmente uso Smp Evolution (con cui mi trovo bene anche se ogni tanto mi alzo per cambiare un pò posizione) avevo usato quella di serie troppo larga per me (consigliata per me 131 mm) e sarei curioso di provare Selle Italia, ma il rivenditore mi sconsiglia di cambiare perchè potrei non trovarmi bene, che dici? (beh estetica a parte la vorrei bianca). Mi interessa una sella che sia ancor meglio dell'attuale per la prostata, quelle full carbon vanno bene? (Selle Italia SLR C59- SP01 Teckno Superflow s anche la kit; Smp full carbon, carbon) o anche la sella di serie dell'Emonda.

Poi prenderò una bici alluminio per rulli da 200-300 euro.

Attendo tuoi preziosi consigli.

Grazie come sempre e buona serata

(Lettera firmata)

1 - Acquistare una bici di alta gamma è un passo importante, in definitiva si spende quanto una buona macchina, allora non comprendo perchè si gira la città per trovare l’offerta più economica e per una bici da 8mila euro si fa fatica a fare 50km ....

C’è qualcosa che non mi quadra ....

Prima di sentire l’imbonitore sotto casa, sentirei il rivenditore ufficiale e senza tanti giri di parole mi farei fare un preventivo preciso per la bici completa, come da catalogo Trek. Ci vuole tanto?

Poi nulla ci vieta di farci assemblare la bici dal negoziante sotto casa, che un pezzo qua, un pezzo la, ci farà risparmiare qualche euro .... diciamo che l’affare lo fa il venditore, mai l’acquirente ... se pure siete convinti del contrario ... per me solo a fronte di grossi risparmi il gioco vale la candela.

Si, il negozio ufficiale sta a 50km, poi ne fate 500 per andare ad una gran fondo dove pagate per fare in bici una strada che io faccio gratis .... il giorno dopo, all'andatura che voglio ...

2 – Le ruote Bontrager, soprattutto quelle adottate sui modelli top gamma, sono realizzate da DT Swiss, su specifiche Trek, non credo che siano degli sprovveduti ...

Così come in un confronto diretto non ho certamente avvertito la superiorità delle Fulcrum rispetto alle Bontrager, anzi forse è vero il contrario, se pure ammetto che un vero confronto è impossibile da fare viste le differenti altezze reali dei cerchi. A livello di scorrevolezza, meglio le Bontrager, per prestazioni complessive invece si vede di caso in caso, le Fulcrum sono più veloci in pianura e senza vento, le Bontrager vanno meglio in salita e sono ruote più a 360.

Riguardo poi la frenata non ci sono problemi, ne con l’una ne con l’altra.

Quindi che interesse aveva chi sosteneva questa supposta superiorità di un prodotto sull’altro?

3 – Il Dura Ace è un ottimo gruppo, ma il Red non è da meno, di certo il Red non ha bisogno di continue regolazioni, ma è vero che è più facile trovare un Dura Ace a prezzo stracciato al mercato nero dei componenti, che un Red ...

Anche qui vedo che il consiglio è un pò interessato ....

Comunque la bici in oggetto è venduta da catalogo Trek con il gruppo Shimano Dura Ace adottato al completo, a mio avviso va bene quella senza tante altre complicazioni ...

4 – Anche qui vedo che l’informazione corretta regna sovrana ...

Il cambio Dura Ace, da specifiche Shimano, supporta pacchi pignoni fino a 30 e non fino a 32 ...

Il cambio Red, da specifiche Sram supporta pacchi pignoni fino al 28 ...

Per lo Sram vanno adottati i cambi in configurazione WiFLi, che supportano pacchi pignoni fino al 32, mentre per Shimano ci si ferma sempre a 30.

Questo secondo le specifiche tecniche ufficiali, poi se il “so tutto io di turno” fa in modo differente a me non interessa ... “a mio cuggino è sempre più bravo e furbo” ...

Sottolineo che ogni Casa ha una sua elasticità nei limiti di capacità del cambio, ma su di una bici di un certo impegno economico, anche per principio, farei le cose per bene e non le solite cose rattoppate.

Se ho bisogno di un pacco pignoni da 32 allora acquisto un gruppo che nasce per adottare quel pacco pignoni e non faccio il solito adattamento su di una bici da 6mila euro.

5 – La taglia e la geometria di una bici si scelgono non perchè piacciono ma perchè vanno bene; se la taglia H1, che è una geometria molto racing, che prevede una elevata mobilità della zona lombare, va bene al suo fisico ok, altrimenti è meglio la geometria H2.

In generale, per esperienza, la geometria H2 di Trek è perfetta per un amatore, ma poi, visto che sono tutti campioni, tutti si dirigono per la H1, anche per non sfigurare al bar ... dove il solito amico ha già la sua geometria H1, perchè la H2 è da vecchi ...

Poi, ma solo poi, si torna indietro ... Le esperienze vanno fatte per bene ... fino in fondo ...

Il problema della maggioranza degli appassionati è che pensano di essere dei campioni: per far capire meglio il concetto è come credere di avere una Ferrari comprando una Panda Rosso Ferrari ...

6 – La sella di serie Bontrager non è male, ma in alternativa le SMP vanno benissimo, è l’unica cosa che personalizzerei sulla Emonda SLR8 così come esce dal catalogo.

Sarei curioso di sapere quanta differenza c'è tra il prezzo del rivenditore ufficiale, senza ritiro usato, e quello del negoziante “faccio tutto io” ....

Attendo i prezzi e buona scelta.

 

 

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Twitter