Ci scrive un lettore, che si definisce scalatore dal peso di 55 kg, che vuole capire quale delle due va meglio in salita a parità di assemblaggio e se la differenza di angolo del tubo piantone influisce sulle prestazioni.

 

Sulla carta, per la salita dura la Cervelo R5 è decisamente migliore dalla Pinarello Dogma F10, che è più pesante, ma anche molto più rigida.

In presenza di un buon atleta, che sappia sfruttare la sua rigidità, la F10 è sempre più veloce di una R5 perchè ha una migliore trasmissione della potenza, il suo telaio flette meno ed in definitiva ci sono decisamente minori dispersioni di energia dalla gamba alla ruota posteriore.

Questo ovviamente dipende dal peso dell’atleta e dalla sua potenza effettiva sviluppata, nonchè dal suo stile di pedalata. Se si è spesso fuorisella, si fanno scatti frequenti e si adotta una pedalata nervosa, la Pinarello F10 è senza dubbio migliore.

La Cervelo R5 preferisce una pedalata rotonda, costante, senza tanti scossoni e senza stare in piedi sui pedali; ma questo possiamo considerarlo anche un suggerimento da adottare verso tutti quei telai molto leggeri.

D’altro conto una bicicletta come la Pinarello è sempre competitiva in pianura e collina, e le sue prestazioni in salita sono soprattutto influenzate dal suo atleta.

Quindi, anche se pesa 55kg non mi stupisce che ha trovato migliore la Pinarello, evidentemente sviluppa una buona potenza o la salita dove l’ha testata non era abbastanza dura, oltre il 15%.

Una bicicletta come la Cervelo R5 va bene si in salita, ma quelle realmente difficili, altrimenti perde il vantaggio della leggerezza.

L’inclinazione del tubo piantone, invece, non ha nessuna influenza nelle prestazioni, almeno non cosi avvertibili; è semplicemente un dato che spesso viene esaltato come chissà quale soluzione, ma nella realtà, entro certi valori, è ininfluente.

Se ha provato la Pinarello F10 su percorsi che fa solitamente, quindi, può tranquillamente acquistarla, invece se la salita era poco difficile, le consiglio di effettuare un altro test su di una “tosta” così da valutare meglio la differenza.

Comunque, a mio modo di vedere, può tranquillamente procedere all’acquisto della F10, in definita non credo che quando esce in bici faccia solo “muri” giusto?, allora meglio una bici che sia valida anche nel resto del percorso.

 

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Twitter